Il tuo primo incontro con un avvocato divorzista

Il tuo primo incontro con un avvocato divorzista

Gli avvocati dovrebbero far sentire i propri clienti a proprio agio

Molti, sebbene non tutti, i clienti che divorziano provano varie emozioni quando il loro matrimonio finisce, come paura, rabbia, dolore, ansia o persino depressione. Potrebbero dover sopportare continui conflitti a casa; potrebbero perdere il sonno o avere profonde preoccupazioni su come i loro figli gestiranno l’imminente notizia del divorzio.

Come risultato delle emozioni che circondano una rottura, i clienti divorziati non sono generalmente al loro meglio. Gli avvocati devono tenerlo a mente quando si avvicinano alla prima riunione con il cliente.

Gli avvocati dovrebbero cercare di rendere i loro clienti divorziati il ??più a loro agio possibile, il che potrebbe richiedere quanto segue:

  • compassione: gli avvocati non sono terapisti, ma dovrebbero essere sensibili allo stato emotivo del loro cliente;
  • spiegazioni chiare e accurate delle cose: invece di snocciolare complesse teorie legali, statuti e giurisprudenza, gli avvocati dovrebbero spiegare il processo al cliente
  • evitare un eccessivo gergo legale: per alcuni clienti potrebbe essere una sfida comprendere la terminologia giuridica complessa.
  • dispense: i clienti divorziati possono avere difficoltà a concentrarsi oa ricordare tutto ciò che un avvocato dice durante una riunione. È utile che l’avvocato fornisca carta e penna per prendere appunti o dispense che includano gli argomenti discussi durante la riunione.

I clienti dovrebbero assicurarsi che il loro avvocato sia competente

Se stai attraversando un divorzio e lavori con un avvocato, assicurati che l’avvocato con cui hai scelto di parlare sia esperto e competente. Ecco alcuni consigli di un noto avvocato matrimonialista di Verona. Prima di incontrare l’avvocato, cerca le recensioni online e verifica con le associazioni degli avvocati dello stato per vedere se i clienti precedenti hanno presentato casi di cattiva condotta professionale contro l’avvocato.

Inoltre, l’esperienza dell’avvocato deve corrispondere alle tue esigenze. Sei in una complicata battaglia internazionale per la custodia? Quindi assicurati che l’avvocato con cui intendi parlare eserciti la custodia per diversi anni. Sei il coniuge di un investitore di capitale di rischio di grande successo? Quindi assicurati che il tuo avvocato abbia il know-how per gestire la complicata analisi finanziaria che sarà sicuramente una parte importante del tuo caso. Un divorzio complesso può richiedere un avvocato che eserciti la professione legale da diversi anni.

D’altra parte, se hai un semplice divorzio (senza figli o beni), un avvocato più giovane potrebbe soddisfare tutte le tue esigenze. Puoi verificare con l’Ordine degli avvocati dello stato per determinare da quanto tempo l’avvocato ha esercitato la professione legale nel tuo stato. Se chiedi all’avvocato di elencare l’esperienza precedente e l’avvocato non risponde, potrebbe non essere una buona soluzione.

Dovresti trovare un avvocato con cui intrattenere un buon rapporto di lavoro. Dopotutto, potresti passare molto tempo insieme. Inoltre, durante il divorzio prenderai decisioni che cambieranno la vita, quindi vuoi un avvocato di cui ti puoi fidare e qualcuno che possa spiegare chiaramente i tuoi diritti, responsabilità e opzioni.

Se sei preoccupato di dimenticare tutto ciò che dice il tuo avvocato, potrebbe essere una buona idea chiedere un’email di riepilogo che riassuma le tue riunioni. Tuttavia, questo può diventare costoso (ricorda, gli avvocati fanno pagare il loro tempo). Se ciò non è pratico, prendi appunti durante le riunioni in modo da ricordare eventuali attività che il tuo avvocato ti ha chiesto di completare e puoi eseguire i passaggi successivi senza chiamate o e-mail di follow-up eccessive.

Domande da porre a un potenziale avvocato

Potresti sentirti intimidito chiedendo a un potenziale avvocato informazioni su istruzione, licenza o esperienza professionale. Tuttavia, pagherai un sacco di soldi per i servizi legali, quindi è importante fare domande prima di assumere qualcuno che ti rappresenti. Alcune domande comuni da porre a un potenziale avvocato divorzista possono includere:

  • hai esperienza con casi come il mio, nello specifico?
  • conosci le regole e le leggi specifiche del mio stato o contea in questo caso?
  • da quanto tempo eserciti in questo campo del diritto?
  • ti senti a tuo agio nel prendere la mia custodia?
  • hai esperienza con il mio giudice o con l’avvocato del mio ex coniuge?
  • avete certificazioni speciali tramite il vostro Ordine degli Avvocati di Stato?

Gli avvocati di divorzio offrono in genere consulenze gratuite?

Molti avvocati e studi legali offrono una consulenza iniziale gratuita per cliente, che può essere di persona, per telefono o tramite Zoom. Nessuna legge richiede che gli avvocati forniscano servizi gratuiti ai potenziali clienti, quindi è importante chiedere informazioni sul costo prima di pianificare la riunione iniziale. Se un avvocato offre una consulenza gratuita, questa è la tua opportunità per incontrarti e determinare se quell’avvocato è adatto al tuo caso. Le consultazioni gratuite non sono il luogo per domande legali approfondite, quindi non entrare in una consultazione aspettandoti che l’avvocato risponda a domande specifiche del caso. Quando decidi di assumere un avvocato, il tuo primo incontro dopo aver firmato l’accordo di conservazione includerà conversazioni approfondite sul tuo caso.

Cosa dovrebbe accadere alla prima riunione?

Una volta deciso di assumere un avvocato, firmerai un accordo che descrive in dettaglio l’avvocato e le aspettative del cliente. Un contratto di conservazione dovrebbe definire i costi, le procedure di fatturazione e i dettagli su chi lavorerà al tuo caso. Ad esempio, gli avvocati possono avere un team di associati e assistenti legali che ricercano o archiviano documenti nel tuo caso in grandi studi legali. Allo stesso tempo, l’avvocato può comparire in tribunale solo per tuo conto. Tuttavia, nei piccoli studi legali, il tuo avvocato potrebbe essere il tuo unico punto di contatto durante l’intero caso. Una volta che hai un contratto, pianifichi il tuo primo incontro con il tuo avvocato. Quello che succede al tuo primo incontro dipende da quello che sta succedendo nel tuo caso di divorzio.

In alcuni casi, i clienti assumono avvocati dopo aver chiesto il divorzio (o aver ricevuto documenti di divorzio). In altri casi, i coniugi hanno già acconsentito al divorzio e si sono impegnati a utilizzare un processo di divorzio collaborativo piuttosto che un “contenzioso” totale (che significa litigare in tribunale). Infine, alcuni clienti affrontano un’emergenza: il loro coniuge potrebbe prosciugare i conti bancari in previsione del divorzio, oppure potrebbero essere vittime di violenza domestica e necessitare di protezione immediata da parte di un tribunale. Le circostanze del cliente controllano la conversazione iniziale e i passi che l’avvocato intraprenderà dopo il primo incontro.

In genere, un cliente arriva con domande generali su un divorzio imminente o presentato di recente. La maggior parte degli avvocati esaminerà i vari processi di divorzio disponibili (diritto collaborativo, mediazione di divorzio o contenzioso) e descriverà i passaggi per ciascuno. Da lì, tu e il tuo avvocato potete decidere quali passi intraprendere in seguito.

L’avvocato deve conoscere il cliente come persona e imparare il più possibile sul coniuge e sui figli del cliente (se presenti). Dovresti aspettarti che l’avvocato richieda un foglio informativo dettagliato del cliente, che contiene tutte le informazioni necessarie di cui un avvocato ha bisogno senza telefonate o e-mail aggiuntive al cliente. Poiché l’avvocato dipende dall’accuratezza delle informazioni fornite, è importante rispondere alle domande e ai questionari dell’avvocato in modo onesto e completo. Un avvocato dovrebbe cercare di comprendere la situazione psicologica e finanziaria del cliente per fare eventuali rinvii necessari a psicoterapeuti, istruttori di divorzi, avvocati immobiliari o pianificatori finanziari per una consulenza specializzata.

Molti avvocati divorzisti lavorano a stretto contatto con altri professionisti per garantire che il cliente non abbia domande senza risposta relative al divorzio. Ricorda, un avvocato non può agire come consulente fiscale o psicologo, ad esempio, quindi è essenziale che i coniugi divorziati assumano i professionisti giusti e tengano informati i loro avvocati.

Comments

comments